Definire la forza nel mondo dello sport risulta piu’ difficile rispetto all’ambito della fisica in quanto i tipi di forza, di lavoro muscolare, di tensione ecc…sono molto diversi e influenzati da numerosi fattori. Prima di parlare dell’ allenamento eccentrico vediamo le varie tipologie.

 

 

TIPOLOGIE DI ALLENAMENTO IN BASE AL TIPO DI TENSIONE MUSCOLARE.

 ALLENAMENTO DINAMICO POSITIVO.

Definito anche “isotonico” o meglio auxotonico in quanto in natura non e’ possibile produrre tensioni sempre della stessa intensita’.
Qui troviamo la componente “superante” di un movimento come quando dobbiamo estendere i gomiti nei piegamenti a terra.

 

 

Nella sua forma pura si sfruttano solo le contrazioni concentriche.

 ALLENAMENTO DINAMICO NEGATIVO.

Detto anche metodo eccentrico comprende movimenti lenti con i quali si “cede” a carichi massimali o sovramassimali. Le contrazioni prevalenti sono quelle eccentriche che provocano l’allungamento delle fibre muscolari.

FISIOLOGIA DELL’ ALLENAMENTO ECCENTRICO.

 Nell’allenamento eccentrico il carico e’ sopportato dalle fibre FT e questo implica che le contrazioni eccentriche, che prevedono un ciclo allungamento-accorciamento come i balzi verso il basso con rimbalzo, sono adatti ad allenare selettivamente le FT (Crowders, Jolly 1993).

 Le contrazioni eccentriche producono una tensione maggiore rispetto le concentriche per questo motivo l’indolenzimento muscolare (DOMS) e’ tipico di questo metodo e con l’aumento della velocita’ di esecuzione aumentano i microtraumi (Willoughby, Taylor 2003).

 

Questo ritarda il recupero ma non peggiora la capacita’ ossidativa del muscolo (Walsh 2001). Cio’ risulta importante per gli sport di resistenza che per migliorare la forza rapida eseguono balzi multipli sotto forma di allenamento intermittente.

L’allenamento eccentrico risulta essere importante per lo sviluppo dell’ipertrofia in quanto i danni strutturali del miocita sono marcati e questo attiva tutti gli stimoli ipertrofici che ne conseguono (citochine infiammatorie, leucociti, proteina C reattiva e interleuchina-6). Ma con l’allenamento anche questi processi diminuiscono (Phillips 2003).

 Le ricerche di Coburn (2004) dimostrano che nelle azioni muscolari esplosive eccentriche si inverte o viene annullato il principio di Henneman (in seguito all’aumento graduale di forza si ha un reclutamento crescente di unita’ motorie sempre piu’ grandi e forti, cioe’ le FTb). Quindi verrano reclutate meno unita’ motorie (Komi, Kaneko, Aura 1987, Kraemer, Ratamess 2004).

Elia Vetricini Dott. in scienze motorie
seguimi
Latest posts by Elia Vetricini Dott. in scienze motorie (see all)